Condividiamo la creatività

Leva obbligatoria al lavoro
Lavoro / 30 marzo 2017

Come al tempo della leva militare che obbligava i giovani ad affrontare un percorso di esperienza all’interno delle Forze Armate, così la Leva obbligatoria al lavoro inserirà i giovani immediatamente nel mondo del lavoro per un periodo ininterrotto di 12 mesi. Ne saranno chiaramente esentati coloro che dimostrino di avere già acquisito una collocazione lavorativa stabile. Il giovane che avrà terminato gli studi e conseguito un diploma di laurea, oppure un diploma di scuola media superiore, ovvero una patente di professionalità (abilitazione conferita a coloro che dopo la scuola media inferiore abbiano svolto un percorso professionale triennale e abbiano dato prova di aver appreso un mestiere), verrà avviato al lavoro presso un’azienda, perlopiù, coerente con il proprio percorso formativo. Le aziende, in regola sul piano degli adempimenti fiscali, selezionate in ordine alla propria struttura ed alla propria organizzazione, privilegiando categorie merceologiche con prospettive di sviluppo per il futuro, avranno il compito di guidare il giovane nelle diverse fasi di apprendimento e di inserimento nel ciclo produttivo aziendale ed annoteranno risultati e criticità sul “fascicolo” del giovane/lavoratore. Al giovane verrà corrisposta, per l’intero periodo, a titolo di rimborso spese, una somma pari ad euro 500,00 mensili, con ogni onere ad esclusivo carico…